Una giornata strana chiude una settimana peggiore commento giornata di borsa di venerdi’ 2 dicembre 2011

Cari lettori,

che giornata strana oggi, veramente. Incominciata sotto i migliori auspici e con rialzi importanti si chiude sui mercati americani con il segno meno, cosa che sembrava assolutamente impensabile.

E, piu’ di tutto, il dollaro USA da meta’ pomeriggio in avanti ha praticamente ritracciato tutto quello che aveva perso sull’euro nei giorni precedenti grazie alla mossa killer concertata tra le banche centrali.

Il nostro portafoglio oggi praticamente non si e’ messo, frazioni sia con il segno piu’, sia con il segno meno.

Il Gas naturale non ne vuole sapere di piazzare il break decisivo e lanciarsi in un rally coem si deve.

L’Uranio non va da nessuna parte e temiamo che in questo settore parlare del rally di fine anno sia quantomeno ottimistico. Probabilmente sara’ una storia del 2012. Del resto, il 20 per cento del fabbrisogno mondiale di elettricita’ viene generato dalle centrali nucleari e non si puo’ sostituire su due piedi o nel giro di qualche anno. DI uranio ci sra’ bisogno ancora per un bel pezzo e non si sa mai che una delle risposte alla crisi economica consista nel ripescare l’uranio dall’abisso dov’e’ adesso.

Il mercato immobiliare Usa e’ sempre sull’orlo del baratro ma i suoi titoli mantengono le posizioni e persino l’investimento piu’ interessante del mondo oggi e’ stato fermo, non guadagnando nemmeno un centesimo.

Abbiamo aperto solo una posizione, per ora molto piccola, quasi di testimonianza. Siamo Triplo short l’indice SPX (Standard and Poor’s).

Una dimostrazione di quanto siamo convinti del rally di Natale, insomma :-))) Diciamo che il diniego della Merkel sugli Eurobond ci fa pensare che la prossima settimana sara’ alquanto ballerina, per usare un eufemismo.

Altro per oggi non ci pare di dovere aggiungere. Seguiremo l’andamento del dollaro Usa sulle contrattazioni elettroniche per capire cosa aspettarci alla riapertura dei mercati lunedi’. Giorni interessanti ci attendono da qui all’Eurovertice del giorno 9, seguiteli con noi.