Titolo Unicredit a picco

Partiamo dal killer.È un’oscura authority europea ( si chiama Eba) che ha deciso di obbligare le barche nel mezzo di una tempesta a mettere in ordine sottocoperta invece che occuparsi del timone. Una follia. E Unicredit che resta la più solida delle nostre banche è il paziente zero.

È la prima banca europea che, costretta dalle nuove regole (il 20 di questo mese potrebbero essere rimandate, c’è da augurarselo), ha avviato l’aumento di capitale. Si tratta della cifra monstre di 7,5 miliardi. Come detto, dal momento dell’annuncio sono piovute le vendite. Perché? 1. Il nocciolo stabile degli azionisti della banca ha circa un quarto del capitale in mano. Solo l’11 per cento però dei soci Unicredit si è vincolato a partecipare alla sottoscrizione. Gli altri si sono tenuti le mani libere.

Successe la medesima cosa in Mps, quando Caltagirone e Axa non firmarono alcun commitment all’aumento (impegno a versare i soldi) ma poi alla fine lo fecero comunque.C’è il fondato sospetto che gli azionisti storici della banca stiano facendo un gioco che già riuscì loro in un altro aumento di capitale. Per farla semplice: hanno venduto le azioni di Unicredit e le ricompreranno a prezzi molto inferiori nei prossimi giorni. La cosa non è ovviamente così semplice.

E dalle parti di Merrill Lynch e Mediobanca sono stati proposti degli accorgimenti tecnici ( strutture)per fare l’operazione. Il vantaggio è evidente.L’annuncio di un aumento di capitale, soprattutto di questi tempi, ammazza un titolo. Io vendo oggi e compro quando il paziente è in stato comatoso. E in questo modo mantengo la mia quota della banca senza diluirmi e a prezzi ragionevoli. Il risultato sul mercato è che il titolo crolli. 2.

Unicredit è una banca dal largo flottante. Il consorzio di garanzia e collocamento capeggiato da Mediobanca e Merrill Lynch ha dunque un problemino. Ciò che non verrà sottoscritto dagli azionisti stabili (abbiamo visto che fino a ora c’è la garanzia di una partecipazione solo dell’11 per cento) se lo dovranno tenere nei loro bilanci le due banche (con tutto il vasto consorzio). Per farla semplice: se nessuno sottoscrivesse le nuove azioni di Unicredit ( ipotesi impossibile) il consorzio di collocamento diventerebbe il nuovo padrone della banca.

Articolo ripreso da Ilgiornale.it

 

Per saperne di piu', potete inviarci una email a contatto@consulenza-finanziaria.it oppure mandarci un messaggio tramite Facebook 

FB Messenger