Riuscira’ Monti a salvare l’Euro l’Europa e il mondo intero nostro commento giornata di borsa del 9 novembre 2011

Cari lettori,

una giornata veramente interessante quella di ieri. Dopo avere testato e in alcuni casi superato resistenze importanti nella giornata di martedi’ (vedi nostro commento) i mercati hanno ritracciato in maniera pesante e in alcuni casi financo eccessiva.

Il dollaro USA, che avevamo dato in migliore salute di quello che si pensava, ha rotto la resistenza chiave di quota 1.36 e appare diretto a quota 1.31 senza nemmeno passare per il via. Da li’ eventualmente rivaluteremo.

Non che si voglia apparire troppo pessimisti, ma c’e’ sempre quota 1040 dell’indice Standard and Poor’s che aleggia nell’aria. Sarebbero altri 200 punti di caduta, sembrano troppi persino a noi pessimisti. Magari quota 1140 potrebbe essere un primo stop su cui rivalutare le nostre posizioni.

Un rimbalzo domani e’ anche probabile, certo le nostre posizioni non cambiano. Rimaniamo short argento, immobiliare e indici, in particolare Nasdaq e SPX.

I long dell’Uranio sono stati sminuzzati per bene oggi, ma non c’e’ da stupirsi. Li teniamo comunque, indipendentemente dalla loro performance perche’ ci crediamo nel lungo periodo.

Il dollaro sta ritracciando un po’ dei guadagni nelle contrattazioni elettroniche della notte, ma domattina sara’ un’altra giornata. Riuscira’ Monti a salvare l’Euro, l’Europa e il mondo intero? Un po’ ne dubitiamo, ma, come sempre, domani e’ un altro giorno. Seguitelo con noi.

Un Post Scriptum doveroso: Israele a nostro parere non ha piu’ opzioni politiche disponibili e pare costretta ad attaccare l’Iran in tempi brevi se vuole cercare di fermare il programma nucleare iraniano. Se accadesse, occorreranno grandi nervi saldi in Borsa e non solo. Non vi nascondiamo che ieri mattina il grafico del dollaro (che noi guardiamo sempre come prima cosa) ci aveva fatto pensare a quello e non ai nostri titoli di stato.