Il problema dei Generali Bizantini e il suo impatto sull’economia (meglio noto come Bitcoin)

il-problema-dei-generali-bizantiniA meno che non siate un informatico, potreste non sapere che il concetto di rete decentrata che può raggiungere il consenso (accordo), senza alcuna autorità di controllo centrale era un problema informatico irrisolto denominato Il Problema dei Generali Bizantini. I Bitcoin hanno risolto questo problema nel 2008 e di per sé è veramente rivoluzionario.

Lo sviluppatore Bitcoin Andreas Antonopoulos ha dichiarato: “Ho scoperto Bitcoin per la prima volta nel 2011 e, da quando c’è Internet, finora non avevo più sentito questa sensazione di essere completamente sopraffatto dalle possibilità che vedevo. Ero lì all’alba di Internet all’inizio degli anni ’90, prima che diventasse un prodotto commerciale. E vedevo che avrebbe cambiato il mondo, ma non potevo dirlo a nessuno intorno a me, perché nessuno mi credeva. E ho la stessa identica sensazione con i Bitcoin”.

Ignoratene il prezzo. Ignorate Bitcoin come denaro e capite Bitcoin come tecnologia, invenzione, e la rete che crea. Perché se il valore economico venisse rovinato ci limiteremo a ripartire con un’altra valuta. L’invenzione di Bitcoin, la tecnologia che la rende possibile, non può essere de-inventata. E crea la possibilità di una organizzazione decentrata su una scala mai vista prima su questo pianeta.

Oggi nel mondo hanno accesso ai servizi bancari, al credito e alle possibilità finanziarie internazionali circa 1 miliardo di persone. Principalmente le classi superiori e le nazioni occidentali. 6 miliardi e mezzo di persone su questo pianeta non hanno alcun collegamento con il mondo del denaro. Operano in società basate sulla cassa con poco accesso a tutte le risorse internazionali. Non usano le banche. 2 miliardi di queste persone sono già su Internet. E con un semplice download dell’applicazione, possono partecipare immediatamente ad un’economia internazionale utilizzando una moneta internazionale che può essere trasmessa ovunque senza tasse e senza controlli governativi. E possono connettersi ad un mondo della finanza internazionale che è completamente peer to peer. Quindi il Bitcoin è il denaro del popolo. Internamente Bitcoin è fatto di semplici regole matematiche con le quali tutti si mettono d’accordo senza controlli. La possibilità di portare 6,5 miliardi di persone nella società produttiva collegandole con il resto del mondo è veramente rivoluzionaria.

Prima di tutto stiamo per iniziare a incidere su chi gestisce i trasferimenti internazionali di denaro; queste aziende enormi che  fanno in modo che più il paese di destinazione è povero più sia costoso inviare denaro. Una situazione basata sullo sfruttamento e sulla corruzione. E queste organizzazioni fanno enormi profitti per una funzione che può essere fatta gratuitamente con i Bitcoin. Così, dice un vecchio detto su Internet “Ho appena sostituito il tuo intero settore con 100 linee di codice Python”. Ed è il caso con i Bitcoin.

Uno dei principi più importanti di Internet è la neutralità. Internet non conosce la differenza tra la CNN e un blogger egiziano. Analogamente i Bitcoin sono neutrali rispetto al mittente e al destinatario e anche rispetto al valore della transazione. E danno anche ad ogni cittadino e utente Bitcoin la stessa possibilità di innovare in termini di innovazione finanziaria, in termini di sistemi di pagamento e di utilizzo della moneta esattamente con la stessa facilità che può avere una banca. TU puoi diventare ed operare allo stesso livello di Citibank.

Ha preso il sistema gerarchico della finanza internazionale che fino ad ora garantiva la sicurezza limitando l’accesso (dato che è il principale sistema di fiducia dei nostri sistemi di pagamento, non si può farne parte a meno che non si sia controllati) e l’ha ribaltatato da testa a piedi creando una rete completamente piatta e decentrata, dove ogni nodo è uguale e il protocollo è neutrale per qualunque e per tutte le transazioni. E spinge l’innovazione ai confini della rete. Questo consente lo stesso fenomeno che abbiamo visto su Internet: innovazione senza permesso. Non c’è bisogno di chiedere a nessuno se volete pubblicare qualcosa su Internet. Non avete bisogno di chiedere il permesso a nessuno se volete stravolgere completamente un nuovo settore con la tecnologia dell’informazione. Con i Bitcoin non c’è bisogno di chiedere a nessuno se si vuole inventare un nuovo strumento finanziario, un nuovo sistema di pagamento o un nuovo servizio. Si può solo farlo. È possibile scrivere del codice ed entrare a far parte di una rete finanziaria internazionale in grado di eseguire il codice e mettervi in contatto con milioni di consumatori.

Siamo ancora all’inizio. Non abbiamo ancora delle interfacce perfezionate. È difficile da usare.  È utilizzato dai criminali. Non è tanto facile trovare chi sta usando i Bitcoin. Abbiamo già sentito tutto questo prima. L’Internet dei primi anni ’90 era un covo di ladri, pirati, pornografi e criminali. Giusto? Ma non importava. E non importa adesso. E la ragione per cui non importa è perché la stessa potenza della tecnologia che può essere utilizzata da un criminale per portare avanti la propria attività criminale può essere utilizzata da tutti noi per fare del bene, per fare cose incredibili in tutto il mondo. E siamo più di noi di loro.

I Bitcoin creano questo ambiente che è maturo per l’innovazione. Perché non si tratta solo di una moneta. È una tecnologia, una rete e una moneta. Sì, il valore è aumentato considerevolmente nel tempo, ma non dovremo concentrarci sul prezzo. Se i Bitcoin domani mattina crollano la tecnologia è ancora rivoluzionaria. Proprio come se un sito non riesce ad aver successo su Internet o un’applicazione non riesce ad aver successo su Internet, Internet non scompare. Quindi, se si capisce che Bitcoin è una tecnologia e non una moneta si può cogliere l’importanza che ha. E ancora una volta non dovrebbe trattarsi di noi. Si tratta degli altri 6,5 miliardi di persone su questo pianeta. Si tratta della capacità di portare il mondo ad un livello di innovazione finanziaria mai visto prima. È più grande del suo prezzo. I Bitcoin possono e cambieranno il modo di vivere.

Non sarà facile. Quando si lancia una tecnologia dirompente in mezzo alle istituzioni più potenti del pianeta – loro non lo gradiscono. E adesso siamo ancora nelle fasi iniziali . Per usare la solita scala di Gandhi “prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi vinci” siamo ancora alla fase che ridono di noi. E questo è un bene. Perché nel momento in cui arriveranno a combatterci hanno già perso. Poiché questa tecnologia è già diventata globale. Ci sono 193 valute del mondo, ma ora c’è una nuova moneta internazionale, una criprovaluta decentralizzata chiamata Bitcoin. E costruiremo molto di più. Le cryptovalute diventeranno un pilastro del nostro futuro finanziario . Stanno per essere parte del futuro di questo pianeta perché sono state inventate ed è così semplice. Non è possibile de-inventarle proprio come non si può trasformare la frittata di nuovo in uova. Ci sono già molte altre monete che utilizzano la stessa tecnologia di base. Bitcoin è l’Internet del denaro e la valuta è solo la prima applicazione. Al suo centro Bitcoin è una tecnologia rivoluzionaria che cambierà il mondo per sempre .
 

Post ripreso dal blog Criptovalute su Blogspot.it

Basato su un video di Andreas Antonopoulos.