Anche se, detto tra noi, tutta questa voglia di decentralizzazione non la vedo in tanti settori...

Perche’ un imprenditore digitale dovrebbe usare Ethereum per il suo business?

La molteplicità di linguaggi di sviluppo disponibili su Ethereum è importante perché permette agli sviluppatori di scegliere quelli che preferiscono per poter scrivere applicazioni decentralizzate (ÐApps) in modo più semplice ed efficiente.

Una ÐApp è quell’insieme combinato di smart contracts (contratti intelligenti) e codice client-side che li rende attivi. Gli smart contracts sono come “scatole” crittografiche che contengono un valore e si sbloccano solo se vengono soddisfatte determinate condizioni. Di norma incapsulano una qualche logica, delle regole, un processo o un accordo tra le parti. Quando sono eseguiti su Ethereum, la rete fa rispettare le loro ramificazioni.

Una ÐApp può essere pensata architettonicamente come molto simile ad una tradizionale applicazione web, ma con una differenza: in un’applicazione web tradizionale, c’e’ un codice Javascript dal lato client che viene eseguito dagli utenti all’interno dei loro browser, e un codice sul lato server che è gestito da un server host o da un’azienda; in una ÐApp invece, c’e’ invece una logica intelligente in esecuzione sulla blockchain, e il codice dal lato client in esecuzione su Mist, uno speciale browser.

Inoltre, una ÐApp può interagire o connettersi con altre applicazioni web o altre tecnologie decentralizzate. Per esempio, una ÐApp può utilizzare un servizio di messaggistica decentralizzato come Whisper nel contesto di Ethereum, o un sistema di distribuzione decentralizzata di file come IPFS. Sul versante applicazioni web, una società come Google potrebbe voler ottenere i dati da un servizio di reputazione decentralizzato, o un feed di dati di Bloomberg può decidere di interfacciarsi con una ÐApp finanziaria.

Il Client di Ethereum

Ethereum include un client browser speciale costruito appositamente, il quale consente agli utenti di eseguire la varietà di ÐApps e di smart contracts disponibili. Questo browser (chiamato Mist) è una piattaforma di lancio di facile utilizzo che promette di rendere gli smart contracts e le ÐApps ampiamente accessibili a una vasta comunità di utenti. Mist è innovativo in quanto riduce la barriera della difficolta’ di adozione da parte degli utenti tradizionali. Il suo impatto non è diverso da quello che ha rappresentato il browser per la possibilita’ di accedere ad Internet in modo user-friendly, o quello che iTunes ha rappresentato per l’accesso ai contenuti digitali scaricabili.

Mist contiene livelli speciali di sicurezza, gestione delle chiavi crittografiche, la gestione decentralizzata degli accounts (cioè gli accounts utente sono di proprietà dall’utente stesso, e non di una terza autorità centrale), e comprende speciali componenti legate alla blockchain che lo renderanno uno strumento indispensabile per l’esecuzione o la gestione di applicazioni decentralizzate specifiche alla blockchain per l’utente medio che non ha bisogno di capire gli aspetti tecnici.

Dal punto di vista della user-experience, si utilizzano ÐApps dall’interno di Mist proprio come si interagisce con i siti web tramite un normale browser. Per esempio, una ÐApps pura come Augur (un mercato di previsioni) vive all’interno del browser Ethereum Mist. Tuttavia, possono anche esistere servizi forniti attraverso un normale browser in maniera più tradizionale web 2.0 che sono ancora alimentati da e verificabili attraverso Ethereum.

La Ethereum Virtual Machine (EVM)

Quando si pensa a questi script logici indipendenti che girano sulla blockchain, memorizzano dati su di essa, e restituiscono un determinato valore al mittente, è come pensare all’esecuzione virtuale di un programma sulla cloud. Detto in maniera semplice, questi smart contracts sono il codice in esecuzione sulla Ethereum Virtual Machine (EVM). Pertanto, tutto cio’ è simile a un servizio di calcolo virtuale decentralizzato, tranne che esso avviene senza l’onere dei server web, ed è progettato per essere eseguito da tutti i partecipanti in una rete peer-to-peer in grado di leggere e scrivere dati e codice sulla blockchain in modo sicuro (tramite firme digitali garantite crittograficamente).

Il concetto della Ethereum Virtual Machine (EVM) è molto importante, perché è un’altra innovazione principale del progetto Ethereum. Se non si capisce la EVM, non si capisce Ethereum.

Così, la EVM “siede sulla blockchain”, ma in realtà è formata da più computer interconnessi sui quali chiunque può caricare dei programmi, e lasciare che questi programmi vadano in auto- esecuzione, e garantire che lo stato attuale e tutti gli stati precedenti di ogni programma siano sempre visibili pubblicamente. Questi programmi vengono eseguiti sulla blockchain e continuano a girare esattamente nel modo specificato dalla EVM. Questo permette a chiunque di creare le proprie logiche di business per la proprietà, i formati transazionali e le funzioni di transizione di stato.

Il nucleo di Ethereum e il suo ecosistema

Nel suo nucleo interiore, Ethereum è un protocollo tecnico open source a piu’ livelli, basato sulla crittografia. Le sue varie parti funzionali sono completamente integrate come parte del suo design, e la somma dei suoi componenti si trasforma in una piattaforma completa per la creazione e la distribuzione di moderne applicazioni decentralizzate.

E’ stato progettato come una piattaforma per applicazioni decentralizzate a scopo generale, con una suite completa di strumenti che ne estendono la funzionalità e la potenza.

Sebbene Ethereum si presenti come una combinazione di diversi progetti open source interconnessi, la sua evoluzione è stata chiaramente guidata da un progetto lungimirante che garantisce che tutti i pezzi si incastrino in modo sinergico.

Come qualsiasi piattaforma software principale, il nucleo di Ethereum è alimentato da un ricco ecosistema costituito da una comunità di partner, estensioni della tecnologia di interscambio, applicazioni e servizi accessori che ruotano attorno ad esso. Più precisamente, da un punto di vista funzionale, si potrebbe descrivere l’ecosistema Ethereum in tre parti principali:

1. Le Tecnologie di base del protocollo: il consenso P2P, la Virtual Machine, i Contratti, le Chiavi, la Blockchain, i Linguaggi di Programmazione e gli Ambienti di Sviluppo, la Valuta (il combustibile), l’Integrazione della Tecnologia e il Middleware.

2. Le Applicazioni: il Client Software (Mist o AlethZero), il Mining, I Servizi di Monitoraggio, le ÐApps e le altre Applicazioni di Terze Parti.

3. I Servizi Aggiuntivi: Per lo più incentrate su istruzione, ricerca, apprendimento e supporto tramite wiki, forum, la EthAcademy, siti web, incentivi basati sulle bounty, e le conferenze future per gli sviluppatori.

Di particolare interesse è il segmento delle Applicazioni la cui dimensione è già una valanga di oltre 100 diversi progetti di terze parti, quei prodotti, estensioni della tecnologia e imprese che a pieno titolo si basano sia interamente che parzialmente su Ethereum. Essi includono applicazioni come mercati di previsione, sistemi di scambio decentralizzati, piattaforme di crowdfunding, l’Internet of Things, sistemi di voto e di governance, giochi, sistemi di reputazione, social networking, chat SMS, assicurazione, sanità, arte, ridesharing, organizzazioni autonome distribuite, trading (di strumenti finanziari o di merci), servizi per la contabilità, comunità, eCommerce, sicurezza fisica, file di archiviazione, sistemi di validazione della proprietà, contenuto, microtransazioni, Community Management, Cloud Computing, rimesse, management di Smart Contracts, Smart Assets, portafogli, settore alimentare, di produzione, archiviazione di dati, messaggistica, Supply Chain e altri.

Tutti questi componenti indicano in maniera inequivocabile il sano progresso e la crescita di Ethereum in differenti settori di business finanziari e non finanziari. Le funzionalità di programmazione di Ethereum offrono molto più potere di quello offerto dal linguaggio di scripting di Bitcoin data la sua Turing-completezza, la consapevolezza del valore, della blockchain e le capacità logiche di transizione di stato.

Perche’ tutto cio’ dovrebbe importare agli imprenditori?

La tecnologia di Ethereum è stata costruita principalmente per gli sviluppatori. Ma proprio come l’intera informatica, Ethereum rende possibili opportunità di business, e tanto quanto il suo slancio iniziale è guidato in maniera considerevole da una comunità di tecnici, l’impatto di Ethereum sara’ moltiplicato quando gli imprenditori capiranno le potenzialità offerte dalla decentralizzazione delle applicazioni, insieme ai processi che questa rende possibili.

Dobbiamo imparare come applicare nella pratica ciò che la tecnologia della blockchain ci offre. Gli sviluppatori di Ethereum e gli appassionati di tecnologia capiscono che ciò che vedono non rispecchia l’intero spettro delle potenziali applicazioni. Gli sviluppatori hanno bisogno degli imprenditori in qualità di partner in grado di comprendere le capacità di Ethereum, e sono disposti ad applicare la propria esperienza al fine di arrivare a tale comprensione.

Durante gli anni ’90, prese piede la tendenza alla re-ingegnerizzazione dei processi aziendali. Era guidata dal desiderio di abolire quei vecchi processi che offrivano poco valore, e di sostituirli con processi semplificati. Improvvisamente, ogni grande organizzazione rivedeva i propri processi di business, e individuava quelli che erano lenti, centralizzati, costosi, arcaici, o che non soddisfacevano le esigenze degli utenti e dei clienti. Nella visione di Ethereum, giace una promessa parallela di re-ingegnerizzazione.

Il risultato sarebbe quello di intraprendere una simile “revisione”, ovvero intraprendere l’esercizio di trovare quelle vecchie applicazioni che sono lente, costose, ed arcaiche (o che non soddisfano i bisogni necessari), e capire se possono essere ripensate mediante ÐApps o applicazioni veramente decentralizzate.

Gli uomini d’affari devono capire la decentralizzazione, e chiedere a se’ stessi se i vecchi processi possono essere sostituiti da quelli decentralizzati, permessi da Ethereum. Di interesse particolare sono quei tipi di applicazioni che in precedenza utilizzavano intermediari centrali o gatekeeper che avevano un’autorità finale su processi legati alla fiducia. Ethereum consente la separazione della fiducia, e si ripropone di distribuirla sulla rete.

Una volta capito come disaggregare i processi centralizzati, e relegarli ai margini della rete, siete solo legati dai limiti della vostra immaginazione. Oggi è il momento di darsi una mazzata su un piede, dato che e’ meglio che avere domani qualcun’altro che ve la dia in testa!

I responsabili aziendali e di IT votati al progresso dovrebbero individuare le risorse tecniche per i loro team che hanno bisogno di conoscere Ethereum e finanziare progetti e implementazioni che promuovono l’innovazione e gli sforzi di reingegnerizzazione per scoprire e sbloccare tutto il potenziale delle applicazioni decentralizzate.

Se rientrate in una di queste categorie, vi trovate in una posizione eccellente per iniziare a tuffarvi dentro Ethereum:

1. Reparti di IT gia’ esistenti
2. Startups con nuove idee
3. Sviluppatori lungimiranti
4. Appassionati di Bitcoin
5. Innovatori aziendali, dirigenti, investitori e visionari

Traduzione in Italiano di S_Carpentieri e M_Terzi di un articolo originale in inglese di William Mougayar.

Fonte: ethereum.org/2015/05/24/the-business-imperative-behind-the-ethereum-vision/

 

I commenti sono chiusi.