Obiettivo disoccupazione zero a Dubai con l’Expo 2020

Il Programma di sviluppo Emirates Nationals ha annunciato l’intenzione di ridurre il numero di coloro che cercano lavoro nell’emirato di Dubai a meno dell’1 per cento entro il 2021.

Certo una bella sfida. Essa AlMulla, direttore esecutivo di ENDP, ha detto in una conferenza stampa che sono riusciti a realizzare cose spettacolari tra cui la riduzione del tasso di occupazione a Dubai dal 10,7 per cento del 2005 al 2,6 per cento nel 2014, grazie alle direttive di Sua Altezza lo Sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, Vice-Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti, e governatore di Dubai.

I piani futuri del ENDP, ha aggiunto, si concentreranno sulla riduzione del numero di disoccupati e di motivare i cittadini degli Emirati a lavorare in diversi settori, tra cui le costruzioni, la salute, l’istruzione e la logistica in coerenza con la Vision UAE 2021. Finora, il ENDP é riuscito ad impiegare 13.000 persone in cerca di lavoro nel settore privato, aggiungendo che questo slancio dovrebbe aumentare. Lanciato nel 2005, l’ENDP mira a diventare un catalizzatore per la diffusa integrazione dei cittadini UAE nel settore privato, per la prosperità e il benessere della nazione.

Inoltre gli Emirati Arabi Uniti sono anche una calamita per nuovi talenti esteri e il governo sta riuscendo a crescerli e trattenerli grazie alla priorità di rendere la vita più facile e più attraente per il talento esterno. Un sondaggio, sul sito di networking professionale, LinkedIn, ha evidenziato che gli Emirati Arabi Uniti sono la destinazione di lavoro più popolare per i professionisti, a livello globale. Dopo aver vinto l’Expo 2020, la reputazione degli Emirati Arabi Uniti come destinazione lavorativa è molto salita, e ora molte persone sono disposte a trasferirsi. Nel 2015 ci dovremmo aspettare un aumento dei posti di lavoro in settori quali il servizio clienti, la merce, le vendite e il marketing, dicono gli analisti.

Secondo un rapporto di Ventures Medio Oriente, il settore Retail è destinato a crescere di oltre il 33 per cento quest’anno in tutti gli Emirati Arabi Uniti. Colin Beaton, amministratore delegato di Limelight Creative Services, una società di consulenza di vendita al dettaglio, ha detto di aspettarsi la crescita del settore turistico per orientare maggiori investimenti nella vendita al dettaglio.“Tutte le altre imprese che sono guidati da vendita al dettaglio, come la pubblicità, la segnaletica, la grafica, branding, design d’interni – tutte queste aziende faranno bene, “ha detto. Beaton ha aggiunto “Il settore dell’ospitalità sta facendo molto bene, alberghi, ristoranti e centri commerciali, inoltre abbiamo un’economia solida, che sta attirando più residenti permanenti che ha abbastanza alto reddito disponibile.”

I retailers continuano ad espandersi in concomitanza con l’avvento dell’Expo 2020 per tenere il passo con la crescita economica in aumento in questa nazione. L’impatto economico dell’Expo é giá tremendo. Esso andrá poi a modificare la scala dei valori. Con l’Expo 2020 ci saranno più persone che visiteranno e vivranno negli Emirati Arabi Uniti e ci sarà un aumento dei consumi. Così, i retailers stanno pensando di espandersi, con molti progetti in atto per nuovi spazi commerciali e di conseguenza nuovi posti di lavoro. L’Expo 2020 sará in grado di portare piú persone internazionali, quindi più talento che andrá a rinforzare la qualità delle risorse umane. L’impatto forte si noterá sempre piú con l’avvicinarsi di questo importante evento.

Articolo ripreso da dubaiblog.it – Autore: R_F_Scoppa

Per saperne di piu', potete inviarci una email a contatto@consulenza-finanziaria.it oppure mandarci un messaggio tramite Facebook 

FB Messenger