Investitori irrazionali e comportamenti quantistici 

Tempi duri anche per la finanza comportamentale sugli investitori irrazionali, che rischia presto di finire in soffitta. Proprio mentre un numero crescente di “esperti” fiorisce (si chiama moda) e fa business vendendo in modi sempre nuovi, o quasi, sempre gli stessi concetti della Teoria del Prospetto di Kahneman Tversky, l’onda del cambiamento arriva, cancella tutto e si è pronti per ricominciare.

Investitori irrazionali? No, solo probabilistici quantistici

Funziona così, per fortuna. Questa volta è in dubbio la definizione stessa del concetto di irrazionalità, cari coach. La prossima volta che ti diranno che sei irrazionale, puoi rispondere che non è vero, non sei irrazionale, sei solo probabilistico quantistico.

Una nuova tendenza sta prendendo forma nella scienza psicologica che non solo utilizza la fisica quantistica per spiegare il pensiero a volte paradossale dell’uomo, ma può anche aiutare i ricercatori a risolvere alcune contraddizioni tra i risultati di precedenti studi psicologici.

Secondo Zheng Joyce Wang e altri che cercano di individuare modelli matematici riguardo ai nostri processi decisionali, le equazioni e gli assiomi che meglio corrispondono al comportamento degli investitori irrazionali possono essere quelli che sono radicati nella fisica quantistica.

“Abbiamo accumulato tanti risultati paradossali nel campo della cognizione e in particolare nel processo decisionale”, ha detto Wang, che è professore associato di comunicazione e direttore del Laboratorio di Comunicazione e Psicofisiologia presso la Ohio State University.

“Ogni volta che salta fuori qualcosa che non è coerente con le teorie classiche, spesso lo etichettiamo come ‘irrazionale’. Ma dal punto di vista della conoscenza quantistica, alcuni risultati non sono irrazionali, sono coerenti con la teoria dei quanti. E con i comportamenti reali delle persone”.

La ricerca

In due nuovi documenti di revisione in riviste accademiche, Wang e i suoi colleghi spiegano il loro nuovo approccio teorico alla psicologia. Un articolo appare in Current Directions in Psychological Science, e l’altro in Trends in Scienze Cognitive.

Il loro lavoro suggerisce che il pensiero in modalità simile alla teoria dei quanti, essenzialmente non seguendo un approccio tradizionale basato sulla teoria della probabilità classica – consente all’uomo di prendere decisioni importanti a fronte di incertezza e ci permette di confrontarci domande complesse nonostante le nostre risorse mentali limitate.

Insomma, si stanno analizzando i cardini sui quali si basa la finanza comportamentale.

Quando i ricercatori cercano di studiare il comportamento umano utilizzando solo modelli matematici classici di razionalità, alcuni aspetti del comportamento umano non appaiono fra i risultati, vengono scartati. Dal punto di vista classico, questi comportamenti da investitori irrazionali sembrano irrazionali, Wang ha spiegato.

Per esempio, gli scienziati sanno da tempo che l’ordine in cui vengono poste domande su un sondaggio può cambiare il modo in cui le persone rispondono – un effetto precedentemente pensato per essere causa di effetti vagamente etichettati come “carry-over” e “ancoraggio e regolazione, “o rumore nei dati”.

Organizzazioni di indagine normalmente cercano di modificare l’ordine delle domande da porre agli intervistati, sperando di annullare questo effetto. Ma negli Atti della National Academy of Sciences dello scorso anno, Wang e collaboratori hanno dimostrato che l’effetto può essere previsto con precisione e spiegato da un aspetto quantistico, come il comportamento delle persone.

Siamo abituati a pensare alla fisica quantistica come mezzo per descrivere descrivere il comportamento delle particelle sub-atomiche, non il comportamento delle persone.

Ma l’idea non è poi così campata in aria, ha detto Wang. Ha inoltre sottolineato che il suo programma di ricerca non assume, né propone che i nostri cervelli siano letteralmente computer quantistici. Altri gruppi di ricerca stanno lavorando su questa idea; Wang e i suoi collaboratori non si stanno concentrando sugli aspetti fisici del cervello, ma piuttosto su come principi matematici astratti della teoria quantistica possano far luce sulla cognizione umana e sui comportamenti.

“Nelle scienze sociali e comportamentali nel loro insieme, usiamo molto i modelli probabilistici” ha detto. “Per esempio, ci chiediamo, qual è la probabilità che una persona possa agire in un certo modo o prendere una certa decisione.

Tradizionalmente, questi modelli sono tutti basati sulla teoria della probabilità classica, che è nata dalla fisica classica dei sistemi newtoniani. Quindi in realtà non è così esotico per gli scienziati sociali, pensare a sistemi quantistici e ai loro principi matematici”.

E fanno pure di peggio questi investitori...

Investitori irrazionali alla ricerca del facile guadagno manifestano comportamenti poco razionali

Ambiguità fisica o umana? Due lati della stessa medaglia

La fisica quantistica si occupa di ambiguità nel mondo fisico. Lo stato di una particolare particella, l’energia che contiene, la sua posizione – tutti sono incerti e devono essere calcolati in termini di probabilità.

Cognizione quantistica è ciò che accade quando gli esseri umani hanno a che fare con l’ambiguità a livello mentale. A volte non siamo sicuri su come ci sentiamo, o ci sentiamo dibattuti su quale opzione scegliere, o dobbiamo prendere decisioni basate su informazioni limitate.

“Il nostro cervello non è in grado di memorizzare tutto. Non abbiamo sempre chiari gli atteggiamenti da tenere riguardo ai fatti. Ma quando mi ponete una domanda, come ‘Che cosa vuoi per cena?” Devo pensarci e trovare o costruire una risposta chiara proprio in quel momento”, ha detto Wang.”Questa è cognizione quantistica”.

“Penso che il formalismo matematico fornito dalla teoria quantistica sia coerente con ciò che sentiamo intuitivamente come psicologi. La teoria quantistica può non essere intuitiva per tutti quando si utilizza per descrivere i comportamenti di una particella, ma in realtà è abbastanza intuitiva quando viene utilizzata per descrivere le nostre menti tipicamente incerte e ambigue”.

Ha usato l’esempio del gatto di Schrödinger – l’esperimento di pensiero in cui un gatto all’interno di una scatola ha qualche probabilità di essere vivo o morto. Entrambe le possibilità hanno un potenziale nelle nostre menti. In questo senso, il gatto ha un potenziale di diventare vivo o morto allo stesso tempo. L’effetto è chiamato sovrapposizione quantistica. Quando apriamo la scatola, entrambe le possibilità non sono più sovrapposte e il gatto deve essere o vivo o morto.

Con la cognizione quantistica, è come se ogni decisione che prendiamo fosse il nostro unico gatto di Schrödinger.

Alla ricerca di un modello

Quando stiamo rimuginando le nostre opzioni, le immaginiamo con gli occhi della nostra mente da investitori irrazionali. Per un certo tempo, coesistono tutte le opzioni con diversi gradi di potenziale che sceglieremo per loro: questa è sovrapposizione. Poi, quando abbiamo scelto la nostra opzione preferita, le altre opzioni cessano di esistere per noi.

Il compito di modellare questo processo degli investitori irrazionali è matematicamente difficile in parte perché ogni risultato possibile aggiunge dimensioni all’equazione. Con l’approccio classico alla psicologia, le risposte potrebbero non avere senso e i ricercatori dovranno costruire nuovi assiomi matematici per spiegare il comportamento in quel caso particolare. Il risultato è che ci sono molti modelli classici psicologici, alcuni dei quali sono in conflitto e nessuno che si possa applicano ad ogni situazione.

Con l’approccio quantistico di Wang dei suoi colleghi, molti aspetti diversi e complessi di comportamento possono essere spiegati con la stessa serie limitata di assiomi. Lo stesso modello matematico che spiega perché l’ordine delle domande cambia le risposte ai sondaggi della gente, spiega anche le violazioni della razionalità nel dilemma del paradigma del prigioniero, un effetto in cui le persone cooperano anche quando è nel loro interesse non farlo.

“Il dilemma del prigioniero e quello dell’ordine delle domande, sono due fatti completamente diversi in psicologia classica, ma entrambi si spiegano con lo stesso modello quantistico”, ha detto Wang. “Lo stesso modello quantistico è stato utilizzato per spiegare molte altre esperienze apparentemente non correlate, scoperte sconcertanti in psicologia.”

Fonte: citywire.it