Consulenza Finanziaria | Homepage
MES Meccanismo Europeo di Stabilità nuovo trattato economico da ratificare entro il 31 dicembre 2011

MES Meccanismo Europeo di Stabilità nuovo trattato economico da ratificare entro il 31 dicembre 2011

🕔25.ott 2011

Cari amici, pubblichiamo questo articolo anche se dubitosi perche’ una cifra ha fatto squillare un campanello d’allarme alle nostre orecchie. Nel documento in PDF di cui trovate il link qui sotto si parla di 500.000 (cinquecentomila?) milioni di Euro e non e’ chiarissimo per cosa.

E se questa proposta venisse approvata si formerebbe un vero e proprio direttorio transnazionale che svuoterebbe completamente gli stati membri. Nemmeno noi ne avevamo mai sentito parlare, se qualcuno di voi ha maggiori informazioni le lasci nei commenti.

Un nuovo trattato trattato europeo, di cui nessuno ha sentito parlare? Ebbene si. E’ un trattato che riguarda tutti i paesi dell’eurozona. E non è un caso che nella maggior parte dei paesi interessati non circoli assolutamente alcuna informazione su questo trattato. La ragione è che è molto pericoloso per i cittadini! Non dovreste saperne niente prima che le cose non siano diventate definitive!

Il trattato istituisce una nuova amministrazione europea, chiamata Meccanismo Europeo di Stabilità (MES): da non confondere con i predecessori, i fondi di soccorso europei MESF e FSFE, di cui si sente molto parlare nei telegiornali in questi giorni !!! Il FSFE è dotato di massimo 440 miliardi attualmente, ossia 1320 euro per euro-cittadino.

Il MES sostituirà i due precedenti e avrà la facoltà di svuotare le Casse degli Stati quando e tutte le volte lo vorrà. Il MES non ha limiti. Il Consiglio del MES sarà composto dai 17 ministri delle Finanze che ne diventeranno i Governatori. Sono loro che prenderanno le decisioni. I parlamenti nazionali non avranno voce in capitolo sul MES, né sui suoi Governatori che godranno di una totale immunità (come del resto tutti i suoi dipendenti).

Fino a oggi Bruxelles ha reso pubblico un unico esemplare del trattato… in inglese! (il 96,5%della popolazione dell’eurozona parla altre lingue!).

TRATTATO CHE ISTITUISCE IL MECCANISMO EUROPEO DI STABILITA’ (ESM)

http://consilium.europa.eu/media/1216793/esm%20treaty%20en.pdf

E’ stato firmato l’11 luglio 2011. Curiosamente nessun giornale francese o internazionale vi ha consacrato il sia pur minimo titolo. Il trattato diventerà definitivo dopo la ratifica dei parlamenti nazionali. Normalmente tali ratifiche sono una semplice formalità ed è poco probabile che i deputati abbiamo già capito che il testo significa la fine del potere supremo del parlamento, quello di decidere il bilancio. E quando le Casse saranno vuote, anche noi dovremo stringerci la cintura sempre di più per salvare l’euro e le banche.

Bruxelles vuole che i Parlamenti dell’eurozona diano il loro accordo entro il 31 dicembre 2011.

Articolo ripreso da www.comite-valmy.org. Traduzione di Nicoletta Forcheri.

Similar Articles

Il credito alle imprese nel 2015 continua a non muoversi

Il credito alle imprese nel 2015 continua a non muoversi

A giudicare da qualche titolo di quotidiano ottimistico il sistema Italia si deve mettere interamente

Binck Bank il partner ideale dei consulenti finanziari indipendenti

Binck Bank il partner ideale dei consulenti finanziari indipendenti

Sono oramai qualche decina i consulenti  finanziari indipendenti che hanno scelto Binck per alcuni dei

Le centrali termoelettriche di Sorgenia un debito incolmabile

Le centrali termoelettriche di Sorgenia un debito incolmabile

Le banche si appropriano definitivamente di un debito finanziario gigantesco che pesera' nei loro bilanci

Le aziende cercano credito ma le banche non lo concedono

Le aziende cercano credito ma le banche non lo concedono

La legge della domanda e dell’offerta, che si applica a quasi tutti i mercati, non

Le banche devono dimostrare di avere comunicato al cliente il suo debito

Le banche devono dimostrare di avere comunicato al cliente il suo debito

La recente ordinanza della Corte di Cassazione, n. 14887/2014, conferma il principio per cui spetta