Fallimenti aziendali una piaga italiana

La marea dei fallimenti aziendali continua imperterrita negli ultimi cinque anni

Impressionante l’anticipazione dei dati dell’osservatorio Cerved sui fallimenti aziendali relativi all’anno in corso. Soprattutto ricordando che 4.241 procedure fallimentari aperte negli ultimi tre mesi sono solo la punta terminale di un processo lungo e penoso di crisi di piccole e grandi imprese, che per ogni impresa che fallisce ce ne sono almeno altre 5 che stanno ancora lottando per evitarlo e che ogni fallimento distrugge crediti commerciali e comporta danni ad altre imprese.

Questa marea inarrestabile di imprese che vanno in pezzi, travolte da crisi economica, pagamenti dello Stato che non arrivano, errori manageriali e stretta creditizia deve preoccupare e molto il sistema bancario che subisce danni notevoli da ogni fallimento e che registra lo stato finale delle imprese nella voce sofferenze.

E dunque si spiega come mai, nonostante il freno agli impieghi e la maggiore cautela nell’erogazione, le banche italiane stiano continuando a generare sofferenze a un ritmo di crescita pauroso.

Secondo i dati della Banca d’Italia le sofferenze sui crediti alle imprese sono cresciute a tassi compresi tra il 29% e il 33%.   Il ritmo di crescita è salito dal 15% del 2012 al 30%, in parte per un processo di maggiore trasparenza voluto da BCE e Banca d’Italia, in parte per gli effetti della crisi che sono economicamente immediati, ma finanziariamente sempre a scoppio ritardato.

Stiamo semplicemente raccogliendo i cocci di un sistema che non ha schermato le nostre imprese dal rischio d’insolvenza per mancanza di liquidità. Colpe equamente distribuite tra Stato, che ha esercitato folle pressione fiscale senza offrire veri percorsi di salvataggio, imprenditori che hanno commesso elementari errori gestionali e banche che non hanno saputo prevedere e prevenire il decadimento delle loro posizioni di credito, evitandosi l’onta di raccogliere i cocci nei tribunali fallimentari.

Ma la cosa più preoccupante è che l’onda non è finita, anzi minaccia una recrudescenza, perché come qualcuno ha scritto oggi su twitter “la nuova recessione sta spingendo fuori dal mercato anche imprese che avevano superato la prima fase”, il sistema bancario è incapace di fare fronte alle richieste di ristrutturazione del debito in tempi necessariamente brevi e lo Stato non ha ancora immesso tutta la liquidità che ha tolto alle imprese non pagando decine di miliardi di debiti arretrati.

Nessun miglioramento in quattro anni, nessun protocollo straordinario di cura. I numeri non mentono mai.

 

Articolo ripreso da linkerblog.biz – autore_ F. Bolognini

 

Siamo un team interdisclipinare di alcuni professionisti che credono nella Consulenza Finanziaria Indipendente. Onesta' e trasparenza al servizio di chi li ricerca. Siamo esperti di Bitcoin, Blockchain e Criptovalute e seguiamo con grande attenzione i trend che definiranno quali saranno gli investimenti vincenti nei prossimi anni.