Le banche svizzere rifiutano di trasferire contanti ai clienti tedeschi

Nostro commento: se questa notizia verra’ confermata e questo trend continuera’ nei prossimi mesi vuol dire che il 2012 sara’ veramente un anno terribile.

Alcune banche svizzere si starebbero rifiutando di effettuare dei versamenti in liquidità ai propri clienti tedeschi. Questi ultimi, infatti, stanno cercando di svuotare i propri conti correnti in vista dell’accordo fiscale che il governo di Berna ha raggiunto con quello di Berlino, e che potrebbe essere ratificato in questi giorni dal parlamento elvetico.

«Il problema riguarda solamente alcuni istituti di credito e unicamente i versamenti liquidi», ha gettato acqua sul fuoco un portavoce dell’Associazione svizzera dei banchieri (ASB). Ma il dato su cui vale la pena di riflettere è l’ennesimo tentativo dei correntisti di aggirare le regole: dopo aver tenuto i propri averi all’ombra del segreto bancario per anni, ora cercano di scappare anche da un accordo che – sebbene imponga una tassazione – di certo non si può dire che li tartassi.

L’imposta che è stata prevista dall’intesa siglata dai due governi lo scorso 10 agosto, infatti, non solamente entrerà in vigore dal 2013, ma prevede un importo forfettario pari al 26,475%, sotto forma di pagamento unico e perfino anonimo. Chi ha un conto in Svizzera, insomma, rimarrebbe comunque un privilegiato. Eppure si prepara alla fuga.

Testo ripreso da valori.it

Per saperne di piu', potete inviarci una email a contatto@consulenza-finanziaria.it oppure mandarci un messaggio tramite Facebook 

FB Messenger