Le banche francesi sono senza speranza

Al di la’ dei comunicati ufficiali, che comunque riportiamo, la verita’ e’ una e semplice: le banche francesi hanno una esposizione pari a quattro volte l’intero PIL della Francia e non hanno possibilita’ di essere salvate stampando moneta come hanno fatto gli USA. E ‘solo questione di tempo.

“Moody’s ha tagliato il rating alle banche francesi Société Générale e Credit Agricole, citando problemi di finanziamento e liquidità per la prima (tagliata da Aa3 ad Aa2 con outlook negativo) e la pesante esposizione verso la Grecia per la seconda (tagliata da Aa2 ad Aa1). Moody’s ha confermato il rating di Bnp Paribas ad Aa2, mantenendolo comunque sotto osservazione.

Société Generale, il cui rating scende quindi da Aa2 ad Aa3, «ha un livello di capitale che le potrebbe permettere di assorbire le perdite potenziali sui suoi bond greci e di rimanere ad un livello adeguato di capitalizzazione anche se il merito creditizio dei bond irlandesi e portoghesi dovesse peggiorare ulteriormente».

Nonostante ciò, «durante la revisione, le preoccupazioni di Moody’s riguardo i problemi strutturali per il finanziamento e la liquidità della banca sono aumentate» e hanno portato al taglio della valutazione.

Per quanto riguarda Credit Agricole, l’agenzia sottolinea che il downgrade (da Aa1 a Aa2) è legato all’esposizione sul mercato greco, che la mantiene sotto osservazione per un ulteriore taglio, il quale non sarà comunque superiore ad un gradino. Stesso scenario per Bnp, il cui rating è stato confermato per ora ad Aa2. In tutti e tre i casi, sottolinea l’agenzia, nel rating sono incorporate le attese di un sostegno governativo alle finanze delle banche.”
Notare quest’ultima frase, cari lettori: le attese di un bailout all’europea sono gia’ inserite in una valutazione che tende al disastro. Un grande crollo e’ sempre piu’ vicino e noi ribadiamo la nostra opinione: la Germania ha scelto di salvare l’Euro cosi’ com’e’, inteso come valuta, e di far fallire parecchia gente.