Italia ufficialmente in recessione nell’anno 2012

Economia italiana in recessione nel 2012 e 2013.

Secondo le ultime stime del Fmi il Pil subira’ un calo del 2,2% quest’anno e dello 0,6% il prossimo. Si tratta di un taglio di 2,5 punti percentuali per il 2012 e di 1,1 punti per il 2013 rispetto alle previsioni di settembre scorso.”La ripresa mondiale e’ in stallo” ed e’ ”minacciata dalle crescenti tensioni nell’area euro e da fragilita’ altrove”. Lo si legge nella bozza del World Economic Outlook del Fondo monetario Internazionale anticipata dall’ANSA.

Profondo rosso per l’economia italiana nel prossimo biennio. Sullo sfondo una ripresa globale in stallo, frenata soprattutto dalla crisi di Eurolandia, l’Italia si prepara ad andare incontro a due anni di recessione nel 2012 e nel 2013. La doccia fredda arriva dal Fondo Monetario Internazionale che nel rimettere mano come di consueto alle proprie previsioni ha dato una generale sforbiciata alle stime di crescita di tutto il mondo.

Nell’ultimo update al World Economic Outlook che l’Ansa e’ in grado di anticipare prima della sua diffusione ufficiale martedi’ prossimo, il Fmi individua nell’area dell’euro il principale malato che contagia e fa vacillare un po’ tutte le economie internazionali.

”La ripresa globale e’ minacciata dalle crescenti tensioni nell’area dell’euro”, considerata come la ”principale ragione” del deterioramento delle prospettive economiche. E ad essa si affiancano e si intrecciano ”le fragilita’ finanziarie altrove”.

Il Fondo avverte dunque che i rischi al ribasso hanno subito un’escalation. Cosi’ gli economisti di Washington sono stati costretti a dare un taglio netto a tutte le statistiche e questo in gran parte perche’ ”ci si aspetta che l’economia dell’euro area finira’ in una lieve recessione nel 2012”.

E cio’ come risultato del rialzo dei rendimenti dei titoli di stato, della diminuzione del credito bancario all’economia reale e dell’impatto delle nuove misure di consolidamento fiscale. I numeri del resto parlano chiaro.

La crescita mondiale sara’ di appena il 3,3% quest’anno e del 4% il prossimo, con una revisione al ribasso, rispettivamente, di 0,7 e 0,5 punti percentuali. Per tutta l’area della moneta unica, invece, e’ atteso un calo del Pil pari allo 0,5% nel 2012, con una revisione al ribasso di 1,6 punti percentuali. La crescita tornera’ invece nel 2013, ma sara’ di appena lo 0,8%.

Ben peggiore sara’ pero’ la situazione italiana. Per quest’anno la contrazione del Pil superera’ addirittura il 2% attestandosi al 2,2%, con un taglio di ben 2 punti e mezzo rispetto alle stime di settembre scorso. E il segno piu’ non riuscira’ a tornare nemmeno nel 2013, quando il Pil subira’ un calo dello 0,3%.

La frenata non risparmiera’ peraltro neppure il gruppo degli emergenti, che negli ultimi tempi ha rappresentato il vero motore dell’economia globale. ”Anche la crescita dei paesi emergenti e in via di sviluppo – si legge infatti nel documento del Fmi – rallentera’ a causa del peggioramento dell’ambiente economico esterno e dell’indebolimento della domanda interna”. Il Fondo suggerisce quindi alcuni ”requisiti essenziali” per far fronte alla difficile situazione attuale.

”La piu’ immediata sfida politica – afferma – e’ di ristabilire la fiducia e di mettere fine alla crisi dell’area euro sostenendo la crescita”, garantendo al tempo stesso aggiustamenti di bilancio sostenibili, il contenimento della restrizione del credito bancario e fornendo piu’ liquidita’, grazie anche ad una politiva monetaria piu’ accomodante.

Per il Fmi il Pil mondiale salira’ del 3,3% nel 2012 (-0,7 punti sulle precedenti stime) e del 4% nel 2013 (-0,5). L’area dell’euro ”andra’ in una lieve recessione nel 2012 come risultato del rialzo dei redimenti dei titoli di stato, degli effetti della diminuzione del credito all’economia reale e dell’impatto delle ulteriori misure di consolidamento fiscale”, si legge dal rapporto di Fmi.

”La politica monetaria della Bce deve essere molto accomodante”: a chiederlo e’ il Fondo Monetario Internazionale nell’update del World Economic Outlook. ”La Bce -si legge- dovrebbe continuare a fornire liquidita’ e ad essere pienamente impegnata a acquistare titoli per aiutare a mantenere fiducia nell’euro”.

Per far fronte all’attuale crisi economica ”c’e’ urgente necessita’ di un’azione politica decisa e coerente”: parola del Fondo Monetario Internazionale che detta 3 ”requisiti” per una ripresa piu’ solida.

Si legge ancora nel rapporto che un ”aggiustamento di bilancio consistente ma graduale; ampia liquidita’ e una politica monetaria accomodante, soprattutto nelle economie avanzate; una ricostituita fiducia nell’abilita’ di agire dei politici”.

 

Articolo ripreso dal sito blitzquotidiano.it

Per saperne di piu', potete inviarci una email a contatto@consulenza-finanziaria.it oppure mandarci un messaggio tramite Facebook 

FB Messenger