La tecnologia della stampa 3D ha circa 30 anni. Le possibilità di sviluppo di un mercato consumer ha portato all’attenzione del grande pubblico tale tecnologia e in molti si chiedono se valga la acquistare azioni delle maggiori compagnie di questo settore.

Il noto investitore americano Barry Randall, fondatore di Crabtree Investment Adviser, mette sotto gli occhi degli investitori due aspetti di questo mercato:

1) Il mercato consumer è solo all’inizio e non è detto che cresca così in fretta come si possa pensare
2) I margini di profitto delle compagnie stanno scendendo rapidamente

In riferimento al primo punto l’economista mette in dubbio la crescita nel breve periodo di un mercato consumer perché al momento gli oggetti “utili” che si possono stampare sono ancora troppo limitati. A questo si aggiunge la difficoltà che gli utenti hanno nell’utilizzo dei software di modellazione 3D, aspetto che non permette ancora di sfruttare appieno le stampanti 3D che già sono nel mercato.

Il vero valore delle compagnie impegnate nella stampa 3D non è quindi da ricercare nelle loro stampanti 3D consumer ma in quelle rivolti ai professionisti. Se l’utilizzo delle stampanti 3D in ambito medico, oppure nelle produzioni in cui vengono impiegati metalli, ceramica o legno permetteranno di ottenere oggetti ad alto valore aggiunto e tale aspetto permetterà di vendere le stampanti 3D professionali con margini molto più alti rispetto a quelle rivolte ai privati.

Informarsi è d’obbligo

Vi invitiamo a prestare la massima attenzione al mercato della stampa 3D. Le opportunità saranno molte, le aziende che si quoteranno aumenteranno e molte altre stanno sfruttando tutta la pubblicita’ attorno alla stampa 3D per attirare nuovi investitori.

E noi di Consulenza Finanziaria siamo a disposizione per consigliarvi sulle aziende che riteniamo saranno i futuri vincitori in Borsa. Per ogni domanda sui nostri servizi di consulenza finanziaria personalizzata, scriveteci direttamente a:  contatto@consulenza-finanziaria.it oppure mandateci un messaggio attraverso la nostra pagina Facebook