Il mercato cerca sempre di farti piu’ male possibile prima di farti guadagnare commento di borsa di martedi’ 8 novembre 2011

Cari lettori,

mai questa frase si e’ dimostrata piu’ corretta di oggi, dove, dopo l’ennesima caduta nelle fasi iniziali, i mercati hanno chiuso con un rally sfolgorante che ha lasciato noi short con le ossa doloranti e molto ammaccate!

Unico spiraglio positivo odierno, l’argento che dopo avere superato quota 34 in apertura e’ stato ricacciato indietro da questa resistenza che, almeno a noi, pare molto solida. Vediamo altri commentatori che parlano di quota 37, ma sinceramente ci pare un po’ eccessiva.

Per il resto, tutto sembra andare a favore dei tori, soprattutto il Nasdaq ha rotto un range molto solido al rialzo e questo sembra essere positivo per gli indici. Anche qui, una chiusura deve essere confermata e domani sara’ come al solito un altro giorno cruciale per i mercati. Espressione oramai abusata ma qui, come direbbe Draghi e magari anche Napolitano: “O si fa il rally di Natale per dare un po’ di fiato ai mercati o si muore” 🙂

Certo che ci fa un po’ sorridere che il grande salto dei mercati Usa sia partito una volta confermate le dimissioni del governo in carica, mai avevamo pensato avesse cosi’ tanto potere 🙂 E sicuramente non commentiamo sullo spread tra titoli di stato tedeschi e italiani perche’ oramai e’ dettato da questioni politiche e non economiche, almeno ai livelli attuali.

Per domani, noi, sempre convinti che il momento della verita’ non sia cosi’ lontano, rimaniamo short le solite cose: argento, indici, mercato immobiliare. Certo la convinzione non e’ ai massimi livelli, ma, come abbiamo detto nel titolo, il mercato cerca sempre di convincerti che sta andando nella direzione opposta a quella che tu pensi, per poi girare al contrario appena tu hai venduto. Una lezione che non va mai dimenticata.

Guardiamo sempre all’Uranio con immutata stima e sempre long. Certo se il rally al rialzo venisse confermato, sarebbe da acquistare a piene mani, visto che e’ a livelli molto bassi.

Domani e’ ancora un altro giorno e saremo sempre qui. Seguite i mercati e il loro andamento con noi.