Il baratto e’ la forma piu’ moderna di commercio internazionale

Indovinate qual è la forma di commercio più moderna? Il baratto, se sviluppato attraverso un’apposita tecnologia. Italia e Canada rafforzano i rapporti commerciali attraverso l’accordo firmato dal circuito italiano iBarter con il portale canadese eXmerce. Così il baratto moderno approda a una dimensione internazionale e la moneta complementare di iBarter diventa spendibile da Toronto a Vancouver, nell’ambito di una rete di più di 3 mila aziende.

Il problema e' far partire gli scambi, poi se si mettono in moto filano!

«Si tratta di una partnership con il preciso obiettivo di creare un sistema internazionale, che permetta anche a una micro-azienda di un paesino della Sardegna di operare facilmente con aziende estere su mercati internazionali», spiega Marco Gschwentner co-fondatore di iBarter. «Già da qualche anno investiamo in relazioni e sviluppo all’estero con un progetto che prevede l’operatività diretta o in partnership. Il nostro obiettivo è quello di dare la possibilità a tutte le aziende di iBarter di operare con la nostra moneta complementare – iBcredit – a livello sia locale sia internazionale».

Aggiunge Nelson Liem, amministratore delegato di eXmerce: «Senza dover fare ricorso a crediti bancari, ma semplicemente offrendo le proprie merci o i propri servizi, è possibile incrementare gli scambi tra Canada e Italia, dando nuova linfa a una tendenza che ha visto una decisa crescita negli ultimi anni».

Primo circuito italiano per lo scambio multilaterale online, iBarter diventa così anche il primo circuito di baratto la cui moneta complementare viene accettata all’estero in un Paese extra Ue. «Il nostro servizio clienti si occupa di tutta la gestione: dalla ricerca dei prodotti alla scelta di quelli più adatti alle esigenze, fino alla gestione della transazione», aggiunge Massimo Cirio, co-fondatore del circuito. «Così la lingua straniera e la valuta non sono un problema: una volta individuato il prezzo, i pagamenti avvengono direttamente in crediti». Che ci si rapporti con un’azienda italiana o estera, il meccanismo di scambio non cambia.  Sono già in fase di definizione altre partnership estere.

iBarter, prima piattaforma italiana per il baratto multilaterale online, è stata creata da un gruppo di manager e professionisti nel 2010 per diventare operativa l’anno successivo. Il portale promuove lo scambio di beni e servizi per imprese e privati attraverso la moneta complementare dell’iBcredits sopperendo la richiesta di liquidità delle aziende e creando una rete di interscambio che favorisce l’acquisizione di nuovi clienti e l’aumento del fatturato.

Testo ripreso dal blog “Gli Squali di Wall Street” su piattaforma Blogspot

 

I commenti sono chiusi.