I mercati vanno su e giu’ come una trottola impazzita commento giornata di borsa 11 novembre 2011

Cari lettori,

la settimana si chiude con una nota positiva con i mercati a chiudere per l’ennesima volta sulla resistenza di quota 1260 dell’indice SPX (1263 per la precisione ma cambia poco).

Come mostriamo nel grafico qui sotto, il mercato appare essere nel range di un triangolo simmetrico, figura ben nota agli analisti tecnici, che la maggior parte delle volte si completa chiudendo al rialzo.

grafico Spx

E, cari lettori, meglio qui prestare grande attenzione se non siete completamente liquidi o, per ipotesi, short come noi, perche’ questo mercato potrebbe fare presto a chiudere il triangolo e scappare al rialzo di 100 punti fino a ritestare quota 1360. Non solo champagne con il panettone, ma ci scappa pure una bella vacanza 🙂

Cosa puo’ guastare quello che a questo punto appare come un orgiastico rally di fine anno per garantire i bonus a Wall Street da spendere anche in finanziamenti elettorali per la campagna presidenziale USA del 2012?

Per prima cosa, Monti non diventa Presidente del Consiglio domani sera e i mercati lunedi’ mattina sbranano i nostri titoli e con loro tutti gli indici azionari senza fare distinzioni.

E come seconda possibilita’, l’attacco israeliano all’Iran che appare questione di giorni o al massimo di qualche settimana. La finestra e’ tra oggi e fine gennaio a nostro parere, forse anche meno. Che il presidente Obama attenda che il mercato arrivi a 1360 e poi prema il grilletto assieme ai nostri amici israeliani?

Un po’ complottistica questa analisi, ma vale la pena di prenderla in considerazione perche i mercati non reagiranno certo positivamente alla faccenduola. Forse si attendera’ l’anno nuovo per garantire la stabilita’ ai mercati?

Un altro convitato di pietra che ancora non vuole saperne di partecipare al party e’ il nostro fido Dollaro USA, che avra’ anche ritracciato un bel po’ oggi ma ha un grafico molto positivo nei confronti dell’Euro.

Di seguito il grafico generale del dollaro con un paio di target ben definiti.

Dollaro USA

C’e’ anche un terzo target, che fondamentalmente rappresenta la parita’ (sissignori, la PARITA’) tra Euro e Dollaro, ma non l’abbiamo disegnato perche’ ci pareva un pochetto eccessivo. Mica lo escludiamo nel medio periodo, comunque.

Tutto cio’ detto e premesso, noi sempre short siamo. E sempre le solite cose, indici Usa e Europei, argento, mercato immobiliare.

Soliti long dell’uranio che non vanno da nessuna parte e oggi al nostro portafoglio abbiamo aggiunto un ulteriore long, una societa’ di servizi che eventualmente nomineremo nell’area riservata dove a breve mostreremo nel dettaglio le nostre posizioni. Portate pazienza che arriva anche questo fondamentale tassello.

E’ stata un’altra settimana di passione in Borsa, il weekend portera’ consiglio e l’apertura di lunedi’ dipendera’ dal voto di fiducia ad un governo italiano nel weekend. Vedremo se accadra’. Come sempre, lunedi’ e’ un altro giorno sui mercati.