General Electric cerca nuove tecnologie nel campo della desalinizzazione

general-electric-waterGeneral Electric e Saudi Aramco Entrepreneurship, centro per l’imprenditoria della compagnia nazionale di idrocarburi dell’Arabia Saudita Saudi Aramco, lanciano una competizione internazionale per lo sviluppo di tecnologie innovative focalizzate sull’efficienza energetica nel campo della desalinizzazione dell’acqua marina.

Le due aziende selezioneranno quattro vincitori a livello globale, che riceveranno ognuno 50mila dollari, per un premio complessivo di 200mila dollari. Saranno poi valutati anche investimenti per la commercializzazione delle idee migliori. Le tecniche di desalinizzazione attuali sono ad alta intensità energetica: il consumo di energia può infatti costituire fino al 70% dei costi di desalinizzazione.

La produzione mondiale di acqua dissalata utilizza circa 75,2 terawatt -ora di elettricità all’anno, abbastanza per fornire energia a quasi 7 milioni di abitazioni. L’obiettivo della competizione è trovare nuovi modi per ridurre i costi di queste operazioni in tutto il mondo, sia attraverso l’innovazione tecnologia, sia attraverso miglioramenti di processo, o entrambi.

Le idee possono essere già proposte sul sito www.ninesights.com/community/ecomagination

Il termine ultimo per presentare le iscrizioni è il 16 luglio 2014, e i vincitori saranno annunciati a novembre 2014. E’ la quinta competizione lanciata da GE nell’ambito di “ecomagination”, progetto di business ‘green’ lanciato dal 2005 e che finora ha generato più di 160 miliardi di fatturato.

Le prime due competizioni si sono concentrate sulla tecnologia smart grid e più recentemente sull’uso della stampa 3D per migliorare la produzione di una staffa di un motore GE per aerei. Negli anni scorsi, il gruppo ha lanciato anche due concorsi in campo medicale, per tecnologie innovative per combattere il cancro al seno e per la diagnosi di lesioni cerebrali traumatiche.

GE ha visto una riduzione del 34% dal 2004 nella produzione di gas serra per le proprie attività, e una riduzione del 47% nell’uso di acqua dolce dal 2006, per un totale di 300 milioni di dollari risparmiati. Nel febbraio 2014, GE si è impegnata a investire altri 10 miliardi di dollari in tecnologie green per arrivare a un investimento totale di 25 miliardi entro il 2020.

”Trovare un metodo più efficiente per la desalinizzazione dell’acqua marina sarà un fattore che cambierà le regole del gioco nella ricerca collettiva – dichiara Nabil Al-Khowaiter, direttore progetti speciali del Centro per l’Imprenditoria di Saudi Aramco – Con le tecniche attuali, questa dipendenza sempre maggiore dalla desalinizzazione potrebbe contribuire notevolmente ad aumentare l’uso di energia. Aramco sta lavorando con GE non solo per identificare nuove soluzioni per diminuire i costi di desalinizzazione, ma anche per investire e attrarre nuove tecnologie e imprese in Arabia Saudita”.

 

Fonte: AdnKronos

Per saperne di piu', potete inviarci una email a contatto@consulenza-finanziaria.it oppure mandarci un messaggio tramite Facebook 

FB Messenger