Categorie
Economia

Finanza sociale quale sara’ il suo impatto futuro?

In Italia e in Europa è in corso una trasformazione verso una finanza sostenibile. A livello comunitario, infatti, la sostenibilità è diventata uno degli obiettivi fondamentali. Inoltre, l’Italia partecipa attivamente al Gruppo di Studio per una Finanza Verde, Green Finance Study Group, creato dal G20 ed è parte della task force per la trasparenza finanziaria.

In questo contesto, un ruolo sempre più importante lo ricopre l’impact investing, l’approccio che sposa il ritorno finanziario con un impatto sociale misurabile. Tanto che il centro Tiresia (acronimo di Technology and innovation research for social impact, il centro di competenza sull’innovazione, l’imprenditorialità e la finanza sociale del Politecnico di Milano) stima che la finanza a impatto sociale arrivi in Italia a quota 10 miliardi di euro nel 2020.

Stanno crescendo in Europa i governi e gli operatori attivi in questo settore: nel 2011, per esempio, la Gran Bretagna ha sperimentato i social impact bond per il reinserimento sociale degli ex-detenuti delle carceri, ma anche colossi come Ubs e Deutsche Bank hanno mosso i primi passi, lanciando i primi impact fund. Il mercato potenziale però è molto maggiore: il divario tra la spesa pubblica e i bisogni è calcolato in 28,9 miliardi. «Il decreto sull’impresa sociale di prossima approvazione prevede aperture e incentivi fiscali per gli investitori privati – ha spiegato Mario Calderini, professore di social innovation al Politecnico di Milano, al Sole24Ore – Diverse importanti banche stanno progettando strumenti di impact, così come fondi pensione e assicurazioni. Ma soprattutto potrebbe cambiare lo scenario l’imminente impegno di alcune tra le maggiori fondazioni ex bancarie». La Fondazione Cariplo, per esempio, ha costituito un veicolo per lo sviluppo del mercato della finanza sociale con sede a Milano.

A livello globale, il settore è guidato in molti Paesi dalla leadership di alcune fondazioni erogative (Ford e Rockefeller negli Stati Uniti, Bertelsmann in Germania e Nippon in Giappone) che vedono negli investimenti a impatto sociale e nella capacità di coniugarli con il ritorno economico, una possibilità aggiuntiva per incidere su quei bisogni sociali che non hanno ancora trovato risposte positive. Complessivamente si tratta di un mondo vivace e destinato a crescere e l’integrazione con le nuove tecnologie a scopo sociale potra’ solo aumentare l’interesse attorno a questo settore.

finanza sociale con uomini e donne che si tengono per mano