Credit Suisse avverte che le banche cinesi non hanno solidita’ finanziaria

Un’analisi condotta da Credit Suisse mette nuovamente le banche cinesi sotto i riflettori: in caso di diffuse insolvenze sui prestiti legati all’immobiliare e agli enti locali, le loro perdite potrebbero salire fino all’equivalente del 60% del loro patrimonio.

Va ricordato, tuttavia, che sulla solidità degli istituti di credito della nazione asiatica si rincorrono allarmi (e anche smentite) ormai da anni. Pochi giorni fa è stato lo stesso esecutivo di Pechino a optare per una mossa eloquente. Ha infatti acquistato, tramite il fondo sovrano Central Huijin, azioni dei quattro principali colossi bancari del Paese (tutti, fra l’altro, già a partecipazione statale): Industrial and Commercial Bank of China, China Construction Bank, Bank of China e Agricoltural Bank of China. Una sorta di replica di quanto aveva già fatto in occasione della crisi finanziaria globale del 2008. Anche in questo caso la prima reazione dei mercati è stata positiva: l’indice MSCI che misura le performance in Borsa della società finanziarie cinesi ha guadagnato il 9% nell’arco di due giorni.

Ma bisognerà attendere le tendenze di lungo periodo. D’altronde, solo nell’ultimo anno lo stesso indice ha già perso il 43%. Dopo un boom del credito durato per tre anni, ora a preoccupare è l’enorme quantità di prestiti a rischio insolvenza erogati dalle banche del gigante asiatico. E lo studio pubblicato ieri da Credit Suise non potrà che alimentare questi timori.

Nei prossimi anni, affermano gli analisti, il volume di prestiti “non performanti” potrebbe salire fino all’8-12% del totale. Un quinto di essi sarebbe costituito dai prestiti a piccole medie imprese, agli enti locali (ritenuti ad alto rischio) e legati al comparto immobiliare, minacciato da una bolla speculativa. Ne potrebbero derivare perdite pari addirittura al 40-60% del capitale azionario degli istituti. Le stime sui profitti nel 2012 e 2013 sono state tagliate fino al 25%. Sanjay Jin, che ha coordinato il gruppo di ricerca, è eloquente: «Un cambiamento di tendenza destinato a durare sarà possibile solo quando gli istituti di credito affronteranno in modo efficace il problema della qualità dei propri asset».

Articolo ripreso da valori.it

Per saperne di piu', potete inviarci una email a contatto@consulenza-finanziaria.it oppure mandarci un messaggio tramite Facebook 

FB Messenger