Blythe Masters il diavolo dei derivati si lancia nel mondo delle criptovalute

Blythe Masters, la diabolica mente di Goldman Sachs dietro agli ultimi dieci anni di strumenti derivati, dopo un doveroso periodo di pulizia sabbatica si lancia nelle criptovalute e nella blockchain. Scoprite come.

blythe-masters-diavolo-dei-derivati-e-delle-criptovalute(Nota della redazione: continua il nostro esperimento per portare articoli dagli USA con traduzione automatica in tempo reale. La prima non era un granche’,  questa e’ meglio. Stay with us :-) In calce il link all’articolo originale)

Parlando al Financial News, l’ex capo globale di merci a JP Morgan, che è stato recentemente nominato amministratore delegato di blockchain start-up risorse digitali, ha detto che la tecnologia che sta dietro cryptocurrencies “è almeno tanto un’opportunità per gli operatori storici in quanto è un dirompente minaccia “.

Libri digitali distribuiti, come blockchain, la tecnologia di supporto criptovaluta bitcoin, sono stato presentato come l’innovazione che potrebbe avere il maggiore impatto sul settore finanziario.

Masters, ha dichiarato: “Nel corso degli anni ho visto innovazione che ha portato a problemi. Mi piacerebbe vedere la prossima ondata di innovazione finanziaria tengano in considerazione e risolvere alcuni dei problemi che il sistema finanziario si trova ad affrontare. “Problemi che potrebbero essere affrontati comprendono la latenza di regolamento e la sicurezza informatica, Master spiegato.
New York-based Digital Asset sta costruendo un software che utilizza registri distribuiti, tra cui blockchain, la tecnologia sottostante dietro criptovaluta bitcoin, di stabilirsi compravendite fatte in attività finanziarie tradizionali, così come le risorse digitali.

Ha lo scopo di ridurre il rischio di controparte e fare insediamento più veloce, più economico e più sicuro.

Masters, che hanno aderito alla start-up nel mese di marzo, ha lasciato JP Morgan lo scorso anno dopo la vendita delle sue materie prime fisiche braccio la società commerciale svizzera Mercuria. Ampiamente considerato come una delle donne più influenti di Wall Street, ha trascorso 27 anni presso la banca degli Stati Uniti, dove ha ricoperto una serie di posizioni di rilievo e ha contribuito a aprire la strada alla creazione di credit default swaps.She ha detto: “Ho lasciato JP Morgan al fine dello scorso anno e ha sempre detto che avrebbe funzionato di nuovo. Il motivo per cui l’ho fatto è perché si tratta di una grande opportunità. Posso vedere come la tecnologia ledger distribuita sta per cambiare il modo in cui la finanza moderna funziona “.

I suoi commenti vengono come le istituzioni finanziarie iniziano a riconoscere i potenziali utilizzi del blockchain, il libro mastro pubblico distribuita che registra e verifica le transazioni in criptovaluta bitcoin. I documenti possono essere digitalizzati e codificati nel blockchain, che è un record indelebile cui autenticità è verificato attraverso una rete di computer, piuttosto che una autorità centralizzata.

Masters ha detto: “Non vi è alcun motivo per cui le banche e gli intermediari non possono utilizzarlo. Al termine delle banche di giorno – come molte altre istituzioni – sono orientato al profitto. Quando si prende in considerazione tutte le questioni che possono essere risolte con registri distribuiti, alcuni saranno in fretta di agire.”

Ha aggiunto: “Alcune banche probabilmente sviluppare la tecnologia da soli, altri lo faranno probabilmente socio e lavorare con fornitori esterni. La sfida sarà quella di trovare l’ambiente giusto per dimostrare questi concetti “.

Il potenziale di registri distribuiti per semplificare alcuni processi nel settore bancario è stato riconosciuto dalla Banca d’Inghilterra nel mese di settembre, che ha descritto la tecnologia emergente come avere implicazioni “di vasta portata”.

Mentre diversi dirigenti di banche hanno espresso interesse per blockchain, poche istituzioni hanno fatto mosse pubbliche. UBS banca svizzera è stato uno dei più prossima, rivelando il mese scorso che stava lanciando un laboratorio di tecnologia finanziaria a Londra per esplorare come blockchain può essere utilizzato in finanza.
Parlando al Financial News nel mese di ottobre, Oliver Bussmann, Chief Information Officer di UBS ha detto blockchain aveva il potenziale per “cambiare l’intero negoziazione ed il regolamento argomento”.

Egli ha detto: “Quando qualcuno con un forte marchio e la sicurezza a livello stabilisce come un servizio affidabile, allora l’intera industria seguirà. Questa è la mia previsione personale. ”
La banca di questa settimana ha portato a Twitter per cercare gli sviluppatori a partecipare al laboratorio.

Masters, ha dichiarato: “Il potenziale di libri digitali distribuiti come il blockchain è almeno tanto un’opportunità per gli operatori storici in quanto è una minaccia dirompente. Tuttavia, questo tipo di tecnologia risolverà un sacco di problemi come la latenza insediamento, la sicurezza informatica riducendo al contempo i costi. ”

Articolo in lingua originale: https://www.linkedin.com/pulse/derivatives-devil-now-love-blockchain-sandro-benvegnu

 

Per saperne di piu', potete inviarci una email a contatto@consulenza-finanziaria.it oppure mandarci un messaggio tramite Facebook 

FB Messenger